15 febbraio 2018

IL REGNO DEL MALE di Sandro Ristori | Review party




Miei carissimi Booklions,
la recensione di oggi è dedicata a  IL REGNO DEL MALE di Sandro Ristori! #enjoy

---> La recensione è Spoiler Free <---

Informazioni e Trama

Titolo: Il regno del male
Autore: Sandro Ristori
Editore: Newton Compton
384 pagine
€ 9,90 (cartaceo) € 4,99 (ebook)

AMAZON | GOODREADS
TRAMA
Quando il sacerdote avvicina la fiamma al braccio di Kausi e Coral, il Segno si accende subito. E la loro vita è condannata: chi porta il Segno non può vivere con gli altri. I due ragazzi devono abbandonare il villaggio, valicare le Grandi Paludi, inoltrarsi in una terra di cui si parla solo nei miti e nelle leggende, e dalla quale nessuno ha mai fatto ritorno. Tutto il Regno è in ginocchio: da ovest una terribile epidemia di peste infuria e decima intere Regioni; il re è troppo debole e pavido per opporsi ai suoi avidi duchi e ai barbari che premono alle frontiere del nord; a sud intere popolazioni sono in marcia per sfuggire alla fame e alla guerra. E quando nella Tredicesima Regione l'erede del duca Courteneray finisce nelle mani di Rakha, ragazza dal fascino misterioso e con una strana luce negli occhi, gli eventi iniziano a vorticare sempre più velocemente, scatenando una tempesta capace di travolgere ogni cosa. Nobili corrotti schiacciano la miseria della plebe, l'ambizione e la sete di potere spingono oscuri personaggi a tramare nell'ombra.
Il Regno del Male di Sandro Ristori è il primo volume in una tetralogia fantasy, ambientata in un mondo che assume i tratti della nostra Epoca Medievale, tinteggiata da qualche elemento sovrannaturale.
Il mondo costruito da Ristori è decisamente complesso e dimostra una meticolosa ricerca storica che emerge soprattutto nelle descrizioni della peste e delle dinamiche sociali.

Nelle terre del Regno devastate da una terribile epidemia di peste che sta decimando la popolazione, si intrecciano le vicende di numerosi personaggi, i cui punti di vista si alternano di capitolo in capitolo. All'inizio ammetto di aver trovato qualche difficoltà nel seguire le vicende di così tanti personaggi diversi tra loro, ma una volta entrati nelle dinamiche della storia e dopo averli conosciuti un po' meglio, tutto diventa più semplice (un aiuto fondamentale nell'orientarsi sia dal narrativamente che temporalmente e spazialmente arriva dalle cartine e immagini poste all'inizio di ogni capitolo). Tra i personaggi, Coral e Kausi sono sicuramente i miei preferiti. Dopo che il Segno del male è comparso sul loro braccio durante l'Ispezione, i due ragazzi sono costretti ad abbandonare il loro villaggio nella Tredicesima regione e ad attraversare le temibili Grandi Paludi dalle quali nessuno ha mai fatto ritorno…

Ristori narra le vicende di questo mondo non così lontano dal nostro con uno stile secco, diretto, spesso brutale, con il quale ho davvero faticato ad entrare in sintonia. Non sono una lettrice che si scandalizza per improperi e parolacce, ma ci sono alcune parti del romanzo nelle quali ne sono state inserite davvero troppe (e soprattutto senza una particolare necessità) per i miei gusti.
Probabilmente lo stile cerca di rispecchiare l'essenza di un mondo brutale dominato dal Male in tutte le sue forme: la peste che uccide in maniera lenta, dolorosa e quasi sadica ogni essere umano non abbastanza forte da contrastarla; gli intrecci politici e il potere dei nobili e di tutti coloro che per nascita e non per diritto si trovano a dover decidere delle vite altrui senza scrupoli; la sciocca superstizione che genera paura e violenza senza senso.
Quel Male che risiede nel titolo stesso emerge da ogni pagina, restituendoci il ritratto di una terra che sembra impossibile da salvare. Al secondo volume l'ardua sentenza...

Il Regno del Male di Sandro Ristori è un romanzo che ha del potenziale e che mi sento di consigliare agli amanti di high fantasy come Il trono di Spade tanto per citarne uno, che amano le storie dirette e senza troppi fronzoli, ricche di battaglie brutali e all'ultimo sangue.


Rating in Segnalibri:
3

Che cosa ne pensate?
Share your thoughts!

HAPPY READINGS ❤,

4 commenti:

  1. ciao, la penso come te anche io. Sono curiosa di sapere come proseguirà la storia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, stavo proprio leggendo la tua! La pensiamo allo stesso modo ;)

      Elimina
  2. Ciao Bea! Aspetto con ansia i prossimi capitoli. E speriamo che non sia una saga lunga come quella di Martin!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero anche io, non sono molto brava a seguire serie così lunghe! :)

      Elimina

Please, share your thoughts with a comment below ! ♡