22 settembre 2015

Teaser Tuesday | PAPER MAGICIAN di Charlie N. Holmberg

Cari Bookworms,
l'estratto che vorrei leggere oggi insieme a voi è tratto da un romanzo che da tempo desidero leggere, anche se non trovo mai l'ispirazione giusta per iniziarlo ovvero PAPER MAGICIAN  di Charlie N. Holmberg.

Informazioni e trama

Titolo: PAPER MAGICIAN
Autore: Charlie N. Holmberg
Serie: Paper Magician Trilogy
Editore:  Fanucci
Data di pubblicazione:  17 settembre 2015
Lingua:  italiano

TRAMA: Ceony Twill, giovane e talentuosa allieva dell’accademia di magia Tagis Praff, sta finalmente per cominciare l’apprendistato che la legherà per tutta la vita all’elemento magico che ha sempre desiderato. Eppure, contrariamente a quanto sognava, il suo destino non sarà scritto nel metallo ma sulla carta. Tra fogli che si animano dando vita a personaggi incredibili e storie fantastiche che la lasceranno a bocca aperta, toccherà allo stravagante mago Emery Thane convincerla delle qualità straordinarie di un elemento così delicato e allo stesso tempo prodigioso. Così, quando Lira, malvagia praticante di arti magiche proibite, priverà il maestro del suo cuore, Ceony per tenerlo in vita gliene confezionerà uno di carta, per poi volare sulle ali di un enorme aeroplanino all’inseguimento della perfida maga, verso un’avventura che porterà alla luce i ricordi più lontani e i segreti più taciuti, nascosti nell’angolo più remoto dell’anima.
[estratto dal Capitolo 1 - Paper Magician di Charlie N. Holmberg]

Per gli ultimi cinque anni, Ceony aveva desiderato diventare una fonditrice.
Tuttavia, mentre la maggior parte dei diplomati alla scuola Tagis Praff per aspiranti maghi aveva potuto scegliere il materiale a cui votare le proprie abilità, a Ceony l’avevano assegnato. «Non ci sono abbastanza piegatori» le aveva spiegato maga Aviosky in ufficio.
Era trascorsa meno di una settimana da quando Ceony l’aveva saputo, e sentiva ancora le lacrime pungerle dietro gli occhi. «La carta è uno strumento meraviglioso» aveva proseguito Mg Aviosky «ed è stata molto screditata negli ultimi anni. Con soli dodici maghi attivi in quella disciplina, non abbiamo altra scelta che indirizzare una parte dei nostri apprendisti in quella direzione. Mi dispiace.»
Dispiaceva anche a Ceony. Nel sentire quelle parole le si era spezzato il cuore e adesso, in piedi davanti al cancello del covo di mago Emery Thane, sperava quasi che smettesse di battere del tutto.
Stringeva forte il manico di legno della sua valigia mentre fissava con lo sguardo all’insù quella mostruosità, che appariva persino peggiore di come se l’era figurata nei suoi sogni irrequieti. Come se non fosse già abbastanza che mago Thane, l’unico piegatore da questa parte del Tamigi, vivesse nei selvaggi sobborghi di Londra, per di più la sua residenza sembrava uscita fuori da una di quelle storie che si raccontano attorno ai falò. Le mura nere si ergevano per sei piani. Pezzetti di pittura scrostata vennero via sotto le dita di un vento improvviso e inquietante, alzatosi nel momento stesso in cui Ceony aveva messo piede sul vialetto sterrato che si staccava dalla via principale. Tre torrette irregolari, una delle quali aveva un grosso buco sul lato esposto a est, spuntavano dalla casa simili alla corona di un demone. Un corvo, o forse una gazza ladra, gracchiava nascosto dietro un comignolo diroccato. Tutte le finestre della magione – Ceony ne aveva contate soltanto sette – erano celate da imposte nere serrate e incatenate, che non lasciavano intravedere neanche un filo della luce delle candele all’interno. Foglie morte accumulate in una decina di inverni ostruivano le grondaie e si incuneavano sotto le tegole marce e incrinate, anch’esse nere, e qualcosa sgocciolava poco lontano, emanando un lezzo di aceto e sudore.
Sul terreno tutt’attorno non crescevano siepi fiorite né aiuole verdi, e non c’erano neanche decorazioni in pietra. Il piccolo cortile faceva sfoggio soltanto di rocce e chiazze di terra incolta, talmente secca e spaccata da non far mettere radici neanche alle erbacce. Le mattonelle che rivestivano il tratto di viale davanti alla porta d’ingresso, che pendeva appesa al solo cardine superiore, erano frantumate e divelte, e Ceony temeva che neanche una delle grigie assi del portico segnate dalle intemperie riuscisse a sostenere il suo peso abbastanza a lungo da permetterle di suonare il campanello.
«Mi hanno spedito all’inferno» mormorò Ceony.
Mg Aviosky, la sua accompagnatrice, si accigliò. «In casa di un mago non dobbiamo mai fidarci dei nostri occhi, Miss Twill. Lo sai.»
Ceony deglutì malgrado la secchezza della gola e annuì. Lo sapeva, certo, ma in quel momento non le importava. Vedeva in quell’oscura e inquietante magione un riflesso di sé stessa e di tutto ciò che era andato storto negli ultimi giorni. Forse si era portata sfortuna da sola la notte prima, quando aveva raccolto tutta la carta che era riuscita a trovare nell’hotel e l’aveva bruciata foglio dopo foglio nel caminetto, mentre Mg Aviosky consultava una mappa alla reception. O forse Mg Thane era la prova che l’immaginazione di Ceony aveva bisogno di espandersi un bel po’.
Ceony trattenne un sospiro. Si era impegnata così tanto nei suoi diciannove anni di vita, e ora tutto quello che aveva ottenuto – a caro prezzo, beninteso – sembrava sfuggirle via, lasciandole solo una sensazione di freddo e vuoto. Tutte le sue aspirazioni dovevano ridimensionarsi intorno a della banale carta. Ceony avrebbe trascorso il resto dei suoi giorni a riempire registri e leggere libri obsoleti, rallegrandosi soltanto nello scrivere a mano lettere che si sarebbero aperte da sole una volta giunte a destinazione, a casa. Di tutti i materiali che Mg Aviosky avrebbe potuto scegliere – vetro, metallo, plastica, finanche gomma – aveva scelto proprio la carta. 
Che cosa ne pensate dell'incipit?
 Se lo avete letto, me lo consigliereste?

Buone Letture,

14 commenti:

  1. Mi ispira da morire questo romanzo!!! Sono curiosa di sapere cosa ne pensi ^___^

    RispondiElimina
  2. Era in wishlist già l'edizione inglese, quindi sono contenta sia stato tradotto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. idem, ma a questo punto me lo leggerò in italiano! XD

      Elimina
  3. La trama mi ispira un sacco! *-*
    Non vedo l'ora di sapere se ti è piaciuto! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora non l'ho letto, ma conto di farlo presto! ♡

      Elimina
  4. Lo voglio leggere, lo voglio leggere, lo voglio leggereeeeeee! *_____*

    RispondiElimina
  5. Anche io lo voglio leggere! Ho sentito che è davvero una lettura carina, e quando si parla di magia sono sempre interessata *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheh! dove ci sono libri in cui si parla di magia, ci siamo noi! ♡

      Elimina
  6. Magia più carta. Non penso ci sia molto altro da dire.

    RispondiElimina
  7. Non sapevo che l'avessero tradotto, ma l'incipit sembra promettere bene! Era già in wish list, ma ora spero di riuscire a leggerlo presto!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. neanche io, l'ho scoperto per caso! Spero di leggerlo presto anche io! ♡

      Elimina

Ogni commento è per me come un pizzico di polvere fatata ... Grazie! ♡

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...