27 aprile 2017

New BOOK to MARK | ACCADDE UNA NOTTE D'ESTATE di Rosy Milicia



Rubrica ideata da me, il cui titolo gioca con il nome del blog stesso: "BOOK" e "MARK".
In questo appuntamento settimanale troverete le novità in libreria da non perdere e da aggiungere alla vostra Wishlist!

Miei cari lettori,
oggi torno con la rubrica New BOOK to MARK  nella quale vi segnalo l'uscita di un romanzo che attendevo di leggere fin dal suo annuncio... si tratta di ACCADDE UNA NOTTE D'ESTATE di Rosy Milicia, autrice che stimo molto e della quale adoro lo stile di scrittura.
Accadde una notte d'estate  è il primo romanzo di Rosy Milicia pubblicato con Amazon Publishing.

“Una storia d’amore che ha il sapore della vita bella.”
(Amabile Giusti)

Informazioni e trama

Titolo: ACCADDE UNA NOTTE D'ESTATE
Autore: Rosy Milicia
Editore: Amazon Publishing
Disponibile dal 2 maggio 2017
Lingua: italiano 
TRAMA: I colori intensi del mare siciliano, i suoni esotici del dialetto, il gusto delle granite al limone, il profumo di libri sfogliati e riletti all’infinito. È questo il mondo di Eva Catalano, la chiù bedda fimmina di San Saba, che tutti in paese conoscono.
La tranquilla esistenza di Eva è fatta anche e soprattutto di parole: le scrive nei romanzi che sogna di pubblicare, le compone nelle canzoni in dialetto dei Dintra ’u Focu, le custodisce nel fondo della propria anima e a volte fanno male. Quel dolore nasce dal passato e si chiama Massimo De Santis: amico di infanzia e compagno di ogni estate, il suo primo amore, uscito ormai dalla sua vita da oltre dieci anni.
Un giorno Massimo riappare: il ricordo di un bacio sarà sufficiente a riallacciare i sottili fili del loro legame?
Rosy Milicia ci regala un appassionante romanzo che ha il profumo dolce di una stranizza d’amuri: un incredibile viaggio delle seconde opportunità, un’irresistibile forza che presto coinvolgerà vecchi e nuovi amici... Ne nasceranno altre emozionanti storie d’amore?

Rosy Milicia è una giovane siciliana che studia giornalismo e “da grande” vuole fare la scrittrice. Crede nei sogni e nella forza di volontà, divora parole, ama i libri dal retrogusto nostalgico e si sente una giapponese mancata. Quando non si allena, si dedica al suo blog letterario: il Dragonfly. Accadde una notte d’estate, il suo primo romanzo con Amazon Publishing, “ha il sapore della vita bella” (Amabile Giusti).

“Gli amori che sbocciano a quindici anni sono quelli
che ti segnano per tutta la vita: Eva e Massimo lo sanno bene.”

Eva avrebbe voluto avere in mano uno dei suoi album. Per disegnarlo. Era una dilettante, ma il disegno la rilassava nelle pause tra lo studio, la scrittura e il lavoro. Avrebbe voluto ritrarlo così, con il fumo della sigaretta accesa ad avvolgerlo come leggera nebbia. 
Si sistemò a un metro da lui.

Controluce. Controvento. Controvoglia. Controluce, per contemplarlo.
Controvento, per condividere la sua aria.
Controvoglia, perché si sarebbe voluta rannicchiare nello spazio libero fra le braccia e le gambe di lui, come dieci anni prima, infischiandosene dell’irragionevolezza di quell’impulso.

Voleva sapere se la sua pelle era sempre la sua pelle.
Se il suo abbraccio era sempre il suo abbraccio.
Se il suo respiro era sempre il suo respiro.
Ma evitò di fare qualcosa di cui l’indomani si sarebbe pentita.


 Ho una voglia pazzesca di leggerlo, e voi!?

Buone Letture,

26 aprile 2017

[Blogtour] LA ROSA DEL CALIFFO di Renée Ahdieh | I Personaggi Secondari




Miei carissimi lettori,
oggi non vi libererete di me... anche perché sto per parlarvi di LA ROSA DEL CALIFFO di Renée Ahdieh, seguito (e conclusione) attesissimo de La Moglie del Califfo  !

Informazioni e Trama

Titolo: 
La Rosa del Califfo
Autore: Renée Ahdieh
Serie: The Wrath and The Dawn #2
Editore: Newton Compton Editori
Data di pubblicazione: Aprile 2017
Lingua: italiano
TRAMA: Shahrzad è stata la moglie del califfo di Khorasan. Era giunta nella sua dimora con lo scopo di vendicare la morte di altre fanciulle andate in sposa a lui. Poi il suo piano è saltato, Khalid non è infatti il mostro che tutti credono. È un uomo tormentato dai sensi di colpa, vittima di una potente maledizione. Ora che è tornata dalla sua famiglia, Shahrzad dovrebbe essere felice, ma quando scopre che Tariq, suo amore d'infanzia, è alla guida di un esercito e sta per muovere guerra al califfo, la ragazza capisce che deve intervenire se vuol salvare ciò che ama. Per tentare di evitare una sciagura, spezzare quella maledizione, ricongiungersi a un uomo di cui ora scopre di essersi innamorata, Shahrzad farà appello ai suoi poteri magici, a lungo rimasti sopiti dentro di lei...



In attesa di condividere con voi i miei pensieri sulla conclusione di questa bella serie ispirata a Le Mille e una Notte, oggi vedremo insieme  i personaggi secondari , in particolare Tariq, Jalal e Despina... perché parliamoci chiaro: è vero che Tariq è un personaggio secondario "importante", ma Despina e Jalal con il loro buffo e romantico modo di interagire sono   u n i c i   e non si può che amarli! *-*

TARIQ


TARIQ IMRAN AL-ZIYAD è il futuro erede di Taleqan (il quarto più grande emirato nel Khorasan). Egli  è l’amico d’infanzia di Shazi e suo primo amore. Tariq vuole proteggere Shazi ad ogni costo, ma a volte sembra non tenere in considerazione il forte carattere che quest'ultima dimostra in più di un'occasione.
Ha un falco di nome Zoraya che lo segue sempre dall’alto. 
Tariq ha splendidi occhi grigi, simili all’ argento, con sfumature color cenere intorno alla pupilla, molto simili a quelli di un falco, donandogli quel fascino difficile da ignorare.


Il prestavolto per Tariq è il modello iraniano Kourosh Sadeghi 


JALAL


JALAL è il cugino ventenne del Califfo e Capitano della guardia. I suoi caldi occhi castani, i capelli ricci color mogano e il fisico atletico lo rendono uno degli uomini più affascinanti alla corte del Califfo.

Conosce il Califfo come nessun altro e sa bene qual è la vera natura del sovrano, per questo lo difende a spada tratta da tutto e tutti.

DESPINA


DESPINA ha la pelle chiara, i capelli di un colore tra il miele e il nocciola e occhi azzurri come il mare. Despina è l’ancella di Shazi, divertentissima nel suo essere sfrontata e sempre sincera. Con il suo carattere a volte sfrontato e estrema sincerità, è l'unica di cui Shazi riesce a fidarsi. Tra le due nasce una bella amicizia che spesso va al di là di quelli che sono i loro ruoli all'interno del palazzo. Despina è perdutamente innamorata del Capitano delle Guardie, Jalal. Le scene che li vedono protagonisti sono le mie preferite e non vedo l'ora continuare a leggere di loro in La rosa del Califfo !
Per Jalal e Despina ho deciso di utilizzare queste foto, trovata tramite google search perché credo che si avvicinino molto a come me li sono immaginati. 

PLAYLIST

Vi lascio la playlist con alcune delle canzoni che credo si addicano a Tariq, Jalal e Despina.
 Buon ascolto!



CONTENUTO INTERATTIVO

Abbiamo pensato di rendere questo blog tour interattivo associando a ciascuna tappa un file da stampare a tema La Rosa del Califfo e portare sempre con voi  !

Nella tappa di oggi potrete scaricare --> CLICCANDO QUI <-- il layout del bellissimo Block Notes creato da Clarissa di Words of Books !!! Non è meraviglioso !?
Mi raccomando, continuate a seguirci e a collezionare tutti i vari contenuti interattivi disponibili in ogni tappa!

Vi lascio il CALENDARIO dell'evento:


Non perdete la prossima tappa su La Tana di Una Booklover !! ❤

BUONE LETTURE,

[Blogtour] NERO CARAVAGGIO di Max & Francesco Morini | Intervista agli autori



Miei cari lettori,
oggi ospito la 3ª tappa del blogtour dedicato a NERO CARAVAGGIO di Max e Francesco Morini, un giallo ironico e impregnato d'Arte che ha per protagonista il libraio Ettore Misericordia, l'unico capace di risolvere omicidi fuori dai canoni.

Informazioni e Trama

Titolo: NERO CARAVAGGIO
Autore: Max & Francesco Morini
Editore: Newton Compton Editori
Data di pubblicazione: 30 marzo 2017
Lingua: italiano
AMAZON | GOODREADS
TRAMA: Ettore Misericordia è il proprietario di una storica libreria di Roma. Autodidatta coltissimo, conosce tutti i segreti della città eterna. È anche un grande appassionato di gialli e un detective dilettante dal formidabile intuito, tanto che l’ispettore Ceratti se ne avvale spesso per i casi sui quali indaga. Perciò non esita a informarlo quando nella basilica di Sant’Agostino, proprio accanto Piazza Navona, viene ritrovato un cadavere davanti a uno dei capolavori del Caravaggio, la Madonna dei Pellegrini. Si tratta di Paolo Moretti, pugnalato alle spalle con uno strumento per incisioni. Misericordia non perde un attimo e si reca sul luogo del crimine insieme al suo amico-collaboratore “Fango”. Ma il caso non è di facile soluzione perché le prove per un’accusa non ci sono. Almeno fino a quando la moderna coppia Holmes-Watson non scoprirà inquietanti particolari che legano i protagonisti della vicenda al Caravaggio. Nella vita del tormentato genio del Seicento si nasconde forse la chiave per far luce sul delitto?
Un misterioso delitto si consuma davanti a un’opera del pittore maledetto
L’arte può diventare una passione pericolosa…
Finalmente anche Roma ha il suo Sherlock Holmes




In questa tappa condivido con voi l'intervista a Max e Francesco Morini.
Ho avuto il piacere di rivolgergli qualche domanda su Nero Caravaggio e il suo protagonista, sul loro modo di lavorare e i progetti futuri... enjoy!

Com’è nata l’idea di scrivere Nero Caravaggio, un giallo che unisce Arte, ironia e mistero?

Dopo vent’anni dedicati al teatro e alla comicità, abbiamo sentito l’esigenza di un cambio di rotta, di ampliare i nostri orizzonti creativi e di sperimentare altre forme di scrittura, passando alla narrativa.
Tutto questo è successo molto velocemente, perché due grandi passioni, ovvero i romanzi polizieschi e la nostra città, Roma, ci hanno dato una mano per trovare la strada giusta : “Nero Caravaggio” è uscito in self-publishing a Gennaio 2016, poi a Ottobre scorso è uscita la nostra guida su Roma “A spasso nella storia” per Albeggi  (una guida sui generis, leggera, divertente, dove sono i segreti, i vizi e le curiosità sulla vita dei romani d’ogni tempo a portare il lettore in giro per la Città Eterna), e adesso eccoci qui con la nuova versione Newton Compton di “Nero Caravaggio”, rivisto, corretto ed ampliato.


Ettore Misericordia è un libraio innamorato di Roma e appassionato di romanzi polizieschi che si diletta a investigare omicidi di difficile soluzione. Chi o che cosa ha ispirato la creazione di tale personaggio?

“Nero Caravaggio” è anche, in qualche modo, un tributo ai grandi classici del giallo anglo-americano a cavallo tra gli anni Venti e Cinquanta ( Conan Doyle, Christie, Van Dine, Ellery Queen, Stout) il cosiddetto “Whodunit”, cioè  “Chi è stato?”, dove il caso si risolve grazie alle straordinarie capacità deduttive di un investigatore geniale,  spesso dilettante, che collabora con le autorità.
Insomma ci divertiva l’idea di creare e di regalare a Roma un moderno Sherlock Holmes, mantenendo una chiave costante:ogni caso di Misericordia sarà legato a un grande personaggio, del passato o del presente, della storia di Roma. Per la prima indagine non poteva esserci testimonial migliore di Caravaggio,che  ancora oggi, dopo quattro secoli, è una vera e propria Star della pittura.


Quale aggettivo scegliereste per definire il rapporto tra Misericordia e “Fango”?

“Simbiotico”, come Holmes e Watson o Nero Wolfe e Archie Goodwin!
Non ci può essere uno senza l’altro, il genio è Misericordia ma Fango è la sua spalla ideale, l’assistente, il consigliere e il complice, oltre a essere lui in prima persona a raccontare i fatti nel libro.
Sono due personaggi agli antipodi, sia fisicamente che psicologicamente, e questo in qualche modo li rende anche una classica coppia comica, uno malinconico, ombroso e misantropo, l’altro solare ed estroverso, con  la battuta sempre pronta, anche nei momenti più drammatici dove il thrilling la fa da padrone.


In Nero Caravaggio emerge tutta la vostra passione per Roma, la Città Eterna, ricca di tutte quelle sue piccole e grandi meraviglie artistiche (e non solo). Qual è la parte della città o uno dei suoi “segreti  nascosti” che preferite?

Francesco: Per me camminare tra le vie e i vicoli del rione Ponte è sempre un’emozione ancora oggi; Ponte è forse, insieme proprio alla zona del Velabro e del Foro Olitorio dove nel libro c’è la Libreria Misericordia, il luogo di Roma dove puoi sentire ancora la magia e il mistero millenario di questa città meravigliosa.
MaxAnche per me il Velabro ha un fascino unico, speciale, ma amo molto anche San Saba, la garden city davanti all’Aventino dove ho passato i primi anni della mia vita; anche lì c’è qualcosa di unico, magico e un silenzio meraviglioso.


Max e Francesco: due fratelli, due scrittori, un giallo irresistibile. Qual è il segreto per riuscire a trovare il giusto equilibrio nella stesura di un romanzo a quattro mani?

Beh, il segreto è nascosto tra le pagine di Nero Caravaggio… A parte la battuta, in tanti anni di lavoro di coppia si sono creati dei meccanismi di interazione e di scrittura ormai quasi automatici, anche questi simbiotici in qualche modo, da far invidia anche a Misericordia e Fango!


Progetti futuri? Avremo la possibilità di seguire Misericordia e “Fango”  in qualche nuova avventura?

Certo! Misericordia e Fango ci chiedono insistentemente di tornare al più presto in azione con una nuova indagine e se ce lo chiedono loro non possiamo deluderli!

Spero che l'intervista vi sia piaciuta e che vi abbia aiutato a conoscere meglio gli autori di Nero Caravaggio!

IL CALENDARIO



Continuate a seguirci!! 
La prossima tappa vi attende su Il Salotto del Gatto Libraio !

BUONE LETTURE,




24 aprile 2017

[Blogtour] RUIN ME - OGNI VOLTA CHE MI SPEZZI IL CUORE di Danielle Pearl | Recensione



Miei carissimi lettori,
spero abbiate passato un buon weekend (soprattutto coloro che lo hanno trascorso in quel di Milano a Tempo di Libri)! ❤
Oggi ho per voi un nuovo blogtour e una nuova recensione questa volta dedicata a RUIN ME - Ogni volta che mi spezzi il cuore di Danielle Pearl, un new adult che gli amanti del genere non possono assolutamente perdere !

⇢La recensione è spoiler free !⇠

Informazioni e Trama

Titolo: RUIN ME - Ogni volta che mi spezzi il cuore
Autore: Danielle Pearl
Serie: Something more #1
Editore: DeA
Data di pubblicazione: 24 aprile 2017
Lingua: Italiano

AMAZON | GOODREADS
TRAMA: Libertà. Ecco che cos'ha sempre significato il college per Carl. Libertà da tutti gli errori del liceo. Libertà dai ricordi, dalle ferite, e dalla tragica notte che ha segnato la sua vita. Ma le cose non vanno proprio come si è immaginata. Una sera, durante una festa, Carl si ritrova faccia a faccia con il suo passato: il ragazzo che ama e odia con la stessa intensità. Quando Tucker si rende conto di essere intrappolato nello stesso college di Carl, i ricordi riaffiorano prepotenti. Non sono passati molti mesi da quando era pronto a consegnare il suo cuore a Carl. Per fortuna si era reso conto in tempo di che razza di persona fosse: una bugiarda manipolatrice. Eppure, mentre il cervello di Tucker grida di stare alla larga da Carl, il suo corpo non fa che desiderarla. Ogni giorno di più.

Carleigh Stranger ha finalmente iniziato il college, sperando di potersi gettare alle spalle il proprio passato e di poter iniziare un capitolo nuovo della sua vita. Finchè a lezione non vede spuntare Tucker Green, il suo ex fidanzato e migliore amico. Colui che la disprezza sopra ogni altra cosa e le ha inevitabilmente mandato in frantumi il cuore.

Tra Carl e Tucker c’è sempre stata un’attrazione irresistibile e un forte sentimento che Carl credeva fosse amore, tuttavia, la vita e segreti di famiglia si sono messi in mezzo, ponendo una brusca fine alla loro storia.
Ma l’attrazione e la passione che li spinge l’uno verso l’altro è qualcosa difficile da controllare e le reminescenze di un sentimento che anche l’odio fatica a sopprimere, li condurrà ad incontrarsi e scontrarsi più spesso di quanto avessero immaginato (o sperato)…

Ruin Me di Danielle Pearl è un New Adult che si divora in poche ore, trascinati dalla passione bruciante di Tucker e Carl, e da quei segreti che entrambi nascondono a se stessi e agli altri. In un continuo alternarsi tra passato e presente, la storia di Carl e Tucker si snoda sinuosa in un turbinio di emozioni che travolgo irrimediabilmente in un susseguirsi di episodi decisamente inaspettati.

Nonostante qualche perplessità iniziale, Ruin Me si è rivelata una lettura piacevole e ben scritta. La storia di Carl e Tucker è quella di un amore decisamente contrastato, in cui le colpe dei genitori ricadono inevitabilmente sui figli con risultati imprevisti; dove le bugie e le incomprensioni costituiscono un ostacolo alla felicità - certo - ma solo perché non si riesce a trovare la pazienza e il tempo di ascoltare, parlare e capire le motivazioni altrui. Ma l’amore, quello vero, può tutto… ha solo bisogno di tempo!



Una copia cartacea di RUIN ME cerca casa! 
Per provare a vincerla, vi basta seguire queste regole:

- Diventare Lettori Fissi dei blog partecipanti
- Mettere "mi piace" alla pagina Facebook De Agostini
- Commentare le tappe di ogni blog
- Condividere le tappe del blogtour


a Rafflecopter giveaway
Spero che la recensione vi abbia incuriosito!

IL CALENDARIO 

Vi lascio il calendario per controllare di non aver perso nemmeno una tappa!

BUONE LETTURE,




22 aprile 2017

[Blogtour] DRACULA - Love Never Dies di Natascia Luchetti
6ª tappa - Le Donne di Dracula




Miei cari bibliofili,
oggi ospito l'ultima tappa del blogtour dedicato a DRACULA - Love Never Dies di Nastascia Luchetti, edito da Delrai Edizioni, retelling che ha per protagonista l'affascinante e immortale Dracula!

In questa tappa, conosceremo da vicino LE DONNE DI DRACULA così come sono state immaginate e plasmate dall'autrice. 


Informazioni e Trama

Titolo: Dracula - Love Never Dies
Autore: Natascia Luchetti
Editore: Delrai Edizioni | Collana Gemma
Data di pubblicazione: gennaio 2017
Lingua: italiano
TRAMA:  Sono passati più di cento anni dalla sconfitta delle tenebre. Il ricordo sbiadito e invecchiato della donna che ha amato continua a torturare il suo animo imprigionato e inquieto. L’animale che è in Vlad preme per uscire e vendicarsi così della prigionia a cui Van Helsing e Harker lo hanno costretto, allontanandolo dall’amore. Il male è di nuovo pronto per calare su Londra e lasciare una scia infinita di sangue. Crudele e privo di morale, Dracula si aggira per la città, ma l’antica promessa di un sentimento eterno torna a fargli visita. Yrden Clarks lo guarda con ardore, lei non lo giudica, lei non ha paura… Ma è la vendetta che alimenta la smania del mostro e lo guida nella lotta tra luce e ombra. Non c’è niente che può salvare un uomo senz’anima, niente, nemmeno l’amore a cui la storia sembra averlo destinato.

Dopo più di un secolo, il ritorno di Dracula, in un romanzo che non ammette pregiudizi. Se non si è disposti a capire il male, si finisce per averne paura. Allora chi può salvare la vita alla morte?


Yrden Clarks: vi presento la mia Mina.

Non esiste Dracula senza Mina, non per quelli abituati alla storia passata attraverso il grande schermo con il mitico film del ’92. Anche se discussa e controversa, questa coppia ha qualcosa di leggendario che non poteva mancare in Dracula: Love Never Dies. Il progetto dell’intero libro nasce proprio dalla scena del primo incontro tra i due personaggi sotto la prima neve: lo ammetto, anche se non sembra ho uno spiccato spirito romantico. 

“Era quasi andata a sbattere contro un uomo alto e magro, ben vestito.  Non era giovanissimo, ma il suo viso aveva un fascino magnetico. La barba curata si sposava meravigliosamente con il viso spigoloso, dagli zigomi molto alti e decisi. Gli occhi chiari come il ghiaccio erano sovrastati da sopracciglia non proprio folte. I baffi erano perfettamente disegnati e rifiniti. Tutto in lui era al posto giusto, anche l’abito. Il taglio classico delle sue vesti scure come la notte cadeva proprio a pennello sul fisico da modello.”

[Dracula: Love Never Dies – Capitolo III: Vigilia di Ognissanti]

Il nome di Yrden suona molto particolare, difatti non appartiene a nessuna lingua esistente. In realtà è la denominazione di uno degli incantesimi, detti “Segni”, utilizzati dagli Witcher di Andrzej Sapkowski. Nella serie di libri che racconta la storia di Geralt di Rivia, il Segno Yrden è la magia che attira e confina gli spettri, li rende tangibili, una trappola nel vero senso della parola, ed è per questo motivo che io ho deciso di dare questo nome alla mia protagonista. Lei rappresenta il cuore di Dracula, la sua forza ma allo stesso tempo la sua debolezza. Lo attrae e lo cattura attraverso la possibilità di rivivere il passato perduto.

Yrden è diversa da Mina anche da un punto di vista fisico. I suoi occhi sono azzurri come il ghiaccio, i capelli biondi, ma le fattezze del suo viso, la sua voce, sono le medesime della donna che amò Dracula nel 1897. Per quanto riguarda il carattere potremmo dire che si assomigliano, ma non troppo. Yrden è una donna indurita dal rigore di una vita difficile in uno Whitechapel popolare, che si è portato dietro tutte le difficoltà che l’aveva caratterizzato durante l’epoca vittoriana: criminalità, povertà e indifferenza. È figlia di un altro tempo, ha una mente molto aperta e non prova paura verso ciò che non conosce, ma curiosità. Al contrario di Mina, lei vive come vuole, essendo ciò che è. Non è un’eroina senza macchia e senza paura, ovviamente ha le sue debolezze, ma al contrario di Mina non sottostà agli ordini di nessuno. Yrden combatte per essere libera, anche voltando le spalle alla luce del sole.

Mercy Holmwood Godalming: Colei che fu una sorpresa anche per me.

Prima di scrivere un romanzo in genere faccio una scaletta o racchiudo in un foglio elettronico tutti gli spunti per delineare la trama. La cosa terribile è che non seguo mai lo schema, perché quando creo i personaggi, loro mi sfuggono di mano come cavalli pazzi e prendono a raccontarsi, diventando completamente diversi da come li avevo concepiti. Questo è esattamente ciò che è successo a Mercy Holmwood Godalming. Chi ha letto Stoker saprà che questo doppio cognome appartiene a Arthur, il promesso sposo di Lucy Westenra, uno dei cinque uomini che sconfissero Dracula. Ebbene sì, lei ha un legame con quell’Arthur, essendo la sua discendente. Il padre di Mercy si chiama infatti Arthur III Holmwood Godalming e proprio come allora, svolge il ruolo di antagonista del Conte ritornato a Londra.
Mercy proviene da una famiglia ricchissima, aristocratica, ma non tollera lo stile di vita che le spetta, soprattutto dopo essersi innamorata di Noah Clarks, fratello di Yrden e Peter, figlio di un mercenario morto in missione. Questo amore impossibile mi ha permesso di sviluppare a dismisura sia il personaggio di Mercy che quello di Noah e li ha trasformati in due coprotagonisti di tutto rispetto, quando invece, l’idea originale era di lasciarli in ombra, come personaggi secondari e poco più. Sono davvero soddisfatta di questa inversione di tendenza, perché ho costruito una Mercy ribelle, forte, determinata a sconfiggere qualsiasi opposizione per raggiungere la felicità al fianco dell’uomo che ama.
Fisicamente la vedo come una ragazza che ha superato da poco la ventina che sfida l’etichetta della sua posizione sociale con un look aggressivo simile allo stile punk. I suoi capelli sono originariamente rossi, ma da quanto è stata obbligata a prendere le distanze da Noah, li ha tinti di blu, proprio per raccontare la sua vita congelata dal pregiudizio.

Mercy torna a Londra dopo una sorta di esilio per prendere parte alla caccia al vampiro, ma non è convinta di tutto quel fanatismo che separa il bene e il male con un taglio netto. Proprio nel suo vedere le sfumature della realtà risiede la maturità di questo personaggio che si è rivelato uno dei miei preferiti, che ha con sé molto di quello che caratterizza me.


Annie Dirk : ci doveva essere una Lucy.

Annie è un personaggio che ho creato per avvalorare il parallelismo con la storia narrata da Stoker. Lei è la mia Lucy, nonostante sia molto molto diversa dalla rossa che ci ha raccontato Bram. Annie è una ragazza dolce e comprensiva, molto riservata, promessa sposa al fratello maggiore di Yrden e Noah: Peter. Quando il ragazzo muore, Annie inizia a perdere, poco a poco, la voglia di vivere e la forza di combattere giorno dopo giorno contro una realtà grigia, privata della luce più amata e splendente. Inizia quindi una discesa nelle ombre che la porta a essere consapevole vittima del vampiro. Proprio la mancanza di un motivo per vivere e la speranza di dimenticare il suo dolore la predispongono ad accettare il bacio del Male che Dracula le offre.
Annie è quindi l’opposto di Lucy e l’unico elemento che l’accomuna con la figura dalla quale ho preso spunto è la trasformazione in vampiro che non avviene per caso. Nessuno volta le spalle al sole per caso.
Anche fisicamente lei è molto diversa dalla Westenra: Annie è una ragazza non bellissima, non ha un corpo dirompente, né risulta appariscente. È una biondina esile come tante, la classica brava ragazza che cresce in ombra e soffre in silenzio.

Diana Reeds: il lato oscuro della scienza.

Diana è un personaggio senza scrupoli, una donna che si presenta come competente salvatrice, ma cela la sua avidità di conoscenza che supera ogni valore etico e morale. In Dracula ho insistito parecchio sul duello tra cuore e ragione, poiché è un tema a me carissimo. Il fatto che oggi si estremizzi il potere della Scienza, che si tenti di spiegare ogni cosa con una formula matematica, ha fatto sì che l’uomo smettesse di credere in ciò che non può dimostrare, che non può vedere, toccare, valutare. La mia idea è contraria al progressismo di oggi che distrugge sogni e leggende, così si è incarnata nel personaggio di Diana. Per lei non c’è vita che sia davvero importante, nemmeno quella di suo marito Lambert Seward, discendente del più famoso Jack. È una donna che non si fa comandare da nessuno, che non rispetta il suo ruolo di moglie né di dottoressa, che usa i suoi pazienti come esche o cavie per esperimenti che vanno oltre il limite consentito dall’etica.
Diana esteriormente è una donna bellissima dai capelli neri e lisci e gli occhi ferini. Il suo aspetto intrigante nasconde il marcio di un’anima nera. Ho scoperto di non averle dato un aspetto positivo, un pregio. Lei è il male personificato e detto tra noi, io l’adoro. Amo i personaggi sadici e cattivi, però sono contenta quando riesco a farvela odiare.




●Vinci una delle CINQUE COPIE DI "DRACULA - LOVE NEVER DIES" in palio!●

Ecco le semplici regole da seguire e il form da compilare :)

OBBLIGATORIE:
1. Mettere MI PIACE alla pagina Facebook della Delrai Edizioni
2. Mette MI PIACE alla pagina Facebook di Natascia Luchetti
3. Unirsi ai lettori fissi dei blog che ospitano il tour
4. Commentare tutte le tappe

FACOLTATIVE:
Condividere almeno una tappa del blogtour
taggando due amici e usando l'hashtag #DraculaLoveNeverDies
(si può fare ogni giorno, questo vi permetterà di condividere tutte le tappe e guadagnare più punti)

I CINQUE VINCITORI SARANNO ANNUNCIATI IL 24/04


a Rafflecopter giveaway

IL CALENDARIO 



Riepilogo delle tappe del Blogtour - DRACULA - Love Never Dies di Natascia Luchetti:


BUONE LETTURE,






Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...