13 marzo 2016

Spotlight on... #1 | BLACK HOLE di Paola Garbarino

Spotlight on...  la mia rubrica dedicata agli autori italiani emergenti o autopubblicati

Cari Bookworms,
siete pronti a scoprire insieme a me tre nuovi autori??? (ci saranno 2 post separati!)
Il primo romanzo di cui vorrei parlarvi è BLACK HOLE di Paola Garbarino, il secondo romanzo nella serie Stars Saga.
Il romanzo rientra nella categoria romance, adatto a una fascia di pubblico new adult.
La storia è ambientata inizialmente in Italia, a Genova, (nel primo capitolo della saga “Come la coda delle comete”), per poi spostarsi a New York.

Informazioni e Trama

Titolo: BLACK HOLE
Autore: Paola Garbarin
Serie: Stars Saga
Data di pubblicazione: 7 marzo 2016
TRAMA: Continua la storia d’amore tra Lisa e Thorger, iniziata in “Come la coda delle comete”.
Dalla semplice vita da universitaria genovese, uscita da poco da una lunga e tormentata relazione, Lisa si ritrova catapultata a New York, nel mondo da rockstar dei gemelli Thorger e Harald Kuehn, noti come T e Ra Stark della band Supernova. Sono state le cose che non sapevano l’uno dell’altra a renderli pronti a innamorarsi, ma il viaggio è appena cominciato ed entrambi iniziano a capire che l’Amore da solo, a volte, non basta! Thorger si porta ancora appresso parte dei tormenti che l’hanno precedentemente condotto alla morte; Lisa deve vivere nella sua ombra perché, da contratto, lui non può dichiararsi sentimentalmente impegnato; e la presenza di Harald prende sempre più forza, turbando equilibri precari. Il passato di Thorger, nella figura della modella Astrid, si ripresenta. Alex e Diana, gli storici amici di Lisa, l’attendono a Londra per iniziare una nuova vita. Ancora una volta, Lisa e Thorger dovranno lottare per mantenere intatto il loro personale miracolo, ma cosa saranno disposti a fare per raggiungere il loro obiettivo e che cosa rischieranno di perdere durante il cammino?
Lisa: La sua gelosia ha inghiottito la nostra storia... Non voglio che ci consumiamo come la coda delle Comete! Non voglio che ci annientiamo dentro al Buco Nero delle nostre paure! Voglio che siamo Stelle, fulgenti, più splendenti del Sole, come una Supernova!
Thorger: Il Destino non poteva farci questo! Non poteva averci fatto incontrare per poi separarci così! Il mio cervello mi catapultò, assurdamente, a una delle scene più intense del Romeo e Giulietta e qualcosa mi si ruppe dentro; una premonizione, una strisciante consapevolezza paranormale o forse solo l’istinto primitivo che avverte gli Animali dell’arrivo di un terremoto: stavo correndo verso il culmine del Nero! Stelle, come un Romeo che galoppa da Mantova a Verona pazzo di dolore, io vi sfido!
Stelle, io vi sfido!
Stars Saga (Le cose che non sapevamo di noi):
1. Come la coda delle comete
2. Black Hole
3. Supernova (inedito)
Sono nata a Genova nel 1974. Laureata in Lettere, ho lavorato nella Scuola pubblica. Ho vissuto in Corea del Sud e attualmente vivo a Londra, con mio marito e le nostre due figlie.

Contatti:
PAOLA GARBARINO: paolagarbarinowriter@gmail.com

[Lisa - Imprinting]

Stanotte il Thorger sapiens sapiens si era estinto. Era un cro magnon! Anzi no, troppo evoluti: neanderthal era più appropriato! Neppure, stanotte si era comportato da scimmione e basta, niente evoluzione!
Battevo istericamente sulla mia tastiera mentre scrivevo la scena madre di un litigio tra i miei due protagonisti: ero ispiratissima!
Gettai un occhio all’orologio del portatile: erano quasi le cinque del mattino. Non sentivo la stanchezza, ero troppo piena di adrenalina; e non volevo andare a dormire nella stanza degli ospiti. Al Diavolo! Sarei rimasta qui a scrivere finché non fossi svenuta sulla tastiera o, se Thorger avesse continuato a fare il duro e puro rintanato in camera (magari dormiva beatamente ma mi sarei tagliata le gambe prima di andare ad assicurarmene), probabilmente Harald mi avrebbe trovata qui quando sarebbe entrato per farsi la colazione, visto che stanotte era venuto a dormire a casa (Konstantin aveva rimorchiato, roba appariscente)!
Quindi pensai di aver scritto per ore o di essermi davvero addormentata, quando mi trovai Harald davanti. Sobbalzai sullo sgabello “Mi fai venire un infarto!”
Le sue labbra si aprirono in uno dei suoi sorrisi sardonici “Io lo faccio venire a te?! Lisa, mi sono svegliato e volevo bere. Cosa ci fai tu qui a quest’ora?”
Non scrivevo mai di notte, non se Thorger era a casa, almeno e di solito non occupavo la cucina. Mi uscì tutto fuori “Sono incazzata!”
Harald rise, piano “Hey, le parolacce in bocca a te non stanno bene!”
“Non sono perfetta!” sbottai.
“Vuoi berci sopra?”
“È l’alba!”
Andò al frigo, tirò fuori una bottiglia di latte e ne versò due bicchieri, poi mi porse il mio “Bevi piano, è freddo!” continuando a fare uno di quei suoi sorrisetti.
“Sì, papà!” stetti allo scherzo.
“Non sono tuo padre!” e mi rivolse uno sguardo che mi fece effetto in un modo che non mi capitava da quando mi aveva aiutata a tirare giù quelle famose tazzine nella mia cucina.
Ok, ero ufficialmente fuori di testa “Credimi, lo so!” mi uscì, non migliorando la situazione.
“Che ti è successo?” mentre sorseggiava il suo latte, appoggiato al bancone.
Avevo il suo torace nudo a un metro. Non l’avevo mai visto così. Riuscivo a sentire il calore che emanava. Perché i Maschi sembrano sempre dei caloriferi? Fanno da diffusori di feromoni! Mi stava entrando nelle narici: un misto di sapone, deodorante e soprattutto il suo odore. Era diverso da quello di Thorger, che mi faceva venir voglia di rifugiarmi immediatamente fra le sue braccia. Quello di Harald era l’odore pericoloso della tentazione! Come avevo studiato per Scienze, dal mio organo vomeronasale stava andando direttamente nell’ipotalamo, che mi mandava indietro l’avviso che quel ragazzo non era una preda, ma un cacciatore, forte.
Ero umana, ero una donna e, anche se innamorata, non ero cieca e certi meccanismi ormonali funzionano indipendentemente dal raziocinio, perché aggirano la corteccia cerebrale che è quella che ci rende consapevoli, passando direttamente per l’ipotalamo che è il centro di controllo delle emozioni e dell’istinto. Come mi aveva detto una volta Thorger, eravamo evoluti, ma per certe cose eravamo rimasti primitivi. Spesso era così che mi faceva sentire Harald, mi aveva sempre fatto quell’effetto dalla prima volta che avevo abbassato gli occhi sulle sue labbra a L’Inferno.
Mentre gli fissavo il torace pensai che, per certi versi, noi Donne siamo come la papera di Lorenz nel famoso esperimento scientifico: questione di Imprinting. Fa’ in modo che associamo la vista di un bel torace maschile a qualcosa di piacevole e noi sbaveremo ogni volta che ne vedremo uno. Forse funziona così anche per gli Uomini e spiega perché siano così attratti dal seno femminile: sin da neonati lo associano a una sensazione di appagamento!
“Allora?!”
Mi ripresi dalle mie elucubrazioni chimiche e psicologiche. Con Harald i formalismi non avevano mai funzionato e quando vi avevo provato mi aveva smascherata subito “Pensi che riesca a concentrarmi sulla risposta, se sei conciato così?!” ok, ero anche totalmente senza filtro. Arrabbiarmi mi faceva questo effetto. Il mio ipotalamo ci stava dando dentro alla grande!
“Tutta roba che hai già visto!” sorrise, con quel sorriso sfrontato.
“Non l’ho vista addosso a te!” sbottai “E non siete uguali.”
Harald era un po’ più grosso ed era segnato più marcatamente, come solo i Pesi possono segnare. Quando non era in sala prove era in palestra! Inoltre non aveva tatuaggi e piercing, almeno visibili. Perlomeno non indossava i boxer aderenti che usava Thorger e che non lasciavano niente all’immaginazione: lui li portava classici. Non che dovessi immaginare qualcosa visto che, da omozigote, era certamente uguale a Thorger anche lì. E Thorger era ben messo! Per i Canoni greci, la Bellezza è una questione di proporzioni: d’altronde, su un metro e novantaquattro di roba... ma forse quelle misure non dipendono dalle proporzioni, non l’avevo studiato da nessuna parte. Ecco, quest’ultimo pensiero diede il colpo di grazia al mio senso della Decenza!
Che cosa ne pensate?
Se non avete ancora letto il primo romanzo Come la coda delle Comete, affrettatevi!
E' ancora in promozione a 0.99 cent su AMAZON.

Buone Letture,

1 commento:

  1. Non sembra male, mi sa che ci farò un pensierino :)

    RispondiElimina

Ogni commento è per me come un pizzico di polvere fatata ... Grazie! ♡

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...